logo
Caratteri piccoliCaratteri mediCaratteri grandi



linea

home : about us : programm : tickets : contact : multimedia : archive : privacy e cookie policy



Archive
L’homme armé di Giovanni Pierluigi da Palestrina eseguita da Praeclara Lux Ensemble


10/08/2016, h. 21.00
Chiesa di San Michele Arcangelo di Varignano

Concerto con Praeclara Lux Ensemble.

PRAECLARA LUX ENSEMBLE
Aurelio Schiavoni (controtenore in registro di contralto)
Antonio Orsini (tenore)
Guido Trebo (tenore)
Csongor Szanto (basso)
Nicola Lamon (organo)
Raffaella Bortolini (dulciana)
Conor Hastings (cornetto)
Daniel Serafini (trombone e clarina)
Progetto Missa l’Homme Armé


G.P. da Palestrina (1525-1594), compositore e musicista fra i più noti del Rinascimento italiano, ebbe, fra i suoi maggiori e più munifici sostenitori, il duca Guglielmo Gonzaga e il cardinale Ippolito d’Este (nipote di Isabella, marchesa Gonzaga). Il legame con la corte Gonzaga riporta l’attenzione sulla presenza a Mantova dei Conti d’Arco e sul rapporto costante e profondo fra le due casate, che ebbero innumerevoli alleanze matrimoniali ma anche scambi culturali ed artistici di grandissimo interesse, che hanno lasciato il segno anche sul territorio arcense. Partendo da questa suggestione, Praeclara Lux Ensemble desidera presentare la messa “L’homme Armé” non, come spesso viene proposta, secondo l’ambientazione tipica della cappella pontificia romana (quindi con un’esecuzione affidata alle sole voci umane) ma secondo la prassi in uso presso la corte Mantovana dei Gonzaga, accostando alle voci alcuni strumenti: Cornetto, Trombone, Bombarda e Organo. Si tratta di strumenti di cui abbiamo un’ampia documentazione iconografica nelle chiese e nei palazzi storici di Arco e di cui sarà possibile ascoltare il suono grazie a copie fedeli tardorinascimentali, nell’esecuzione di musicisti impegnati nella ricerca delle sonorità, inotazioni e prassi esecutive antiche. La performance sarà impreziosita dalla tipica ornamentazione che i virtuosi dell’epoca usavano applicare alla partitura originaria allo scopo di destare stupore e ammirazione nell’uditorio.