logo
Caratteri piccoliCaratteri mediCaratteri grandi



linea

home : about us : programm : tickets : contact : multimedia : archive : privacy e cookie policy



Archive
MÚM






24.08.2012
Castello di Arco (Tn), h. 21.30

In caso di maltempo auditorium della Chiesa di San Giuseppe, Riva del Garda (Tn)
In case of bad weather, auditorium of the church San Giuseppe, Riva del Garda (Tn)


Gunnar Örn Tynes
Örvar Þóreyjarson Smárason
Samuli Kosminen
Sigurlaug Gisladottir
Gyða Valtýsdóttir

http://mum.is

MÚM è un progetto che si avvicina più al concetto di un collettivo musicale piuttosto che a quello di band. Di genere sperimentale, assolutamente innovativo, unisce una vocalità quasi eterea e l’uso di strumenti classici a suoni elettronici e strumenti inusuali.
Fondato nel 1997 da Gunnar Örn Tynes e Örvar Þóreyjarson Smárason, viene integrato un anno dopo dalle sorelle Gyða e Kristín Anna Valtýsdóttir e quindi dal percussionista Samuli Kosminen. Dopo il 2002 le sorelle Valtýsdóttir si staccano dalla formazione, mentre altri musicisti si aggregano per singoli progetti o per periodi prolungati. Fino ad oggi quindi l’attività è stata caratterizzata dall’attuazione di progetti live in diverse parti del mondo, con la collaborazione di numerosi artisti, fra cui anche l’islandese Jóhann Jóhannsson.
Per il concerto di Contemporanea, si avrà il gradito ritorno sul palco di Gyða Valtýsdóttir.

Mùm is a project that is more similar to a musical collective than a classic band. The experimental genre, absolutely innovative and new, combines soft, almost ethereal vocals with classical instruments and unusual electric sounds.
The band, founded in 1997, was originally formed by Gunnar Örn Tynes and Örvar Þóreyjarson Smárason, who were joined, one year later, by the sisters Gyða and Kristín Anna Valtýsdóttir and then by the drummer Samuli Kosminen
After 2002 both sisters Valtýsdóttir left the band, while the other members dedicated themselves to single projects on extended periods of time. Up to now the band can boast worldwide touring and several important cooperations, among which with the Icelander Jóhann Jóhannsson.
The concert of the Festival Contemporanea welcomes back on stage Gyða Valtýsdóttir.